Castello Sforzesco, Milano

Caricamento Eventi
Visita il Castello Sforzesco di Milano

Castello Sforzesco di Milano

Per secoli i Milanesi hanno considerato il castello emblema di tirannide e dominio straniero. Più volte, in una lunga storia, i cittadini hanno tentato di attaccare e demolire l’odiato edificio. Solamente con l’Unità d’Italia, trasformandosi in un centro di cultura, il Castello Sforzesco è diventato caro ai Milanesi e simbolo della città.

Al primo piano del torrione nord-est del Castello Sforzesco di Milano è collocata la “Sala delle Asse”, così denominata per via delle assi di legno che si ritiene un tempo rivestissero le pareti, per rendere gli ambienti meno freddi e più confortevoli. La sala, un ambiente importante in cui ospiti ed ambasciatori erano accolti dagli Sforza, rappresenta una eccezionale testimonianza della presenza di Leonardo da Vinci alla corte sforzesca.

Chiamato a Milano da Ludovico Sforza detto il Moro, Leonardo realizzò nel 1498 la decorazione pittorica, impegnandosi a finirla entro pochi mesi. A seguito della conquista del Ducato di Milano, il Castello fu trasformato in caserma e la “Sala delle Asse” dovette subire l’onta di essere adibita a stalla.

Sopra la pittura di Leonardo fu steso un intonaco di calce bianca, rimosso solo alla fine dell’Ottocento. Secoli più tardi, nel 1902, la “Sala delle Asse” fu finalmente inaugurata, dopo un ampio restauro compiuto da Ernesto Rusca. A impreziosire questi ambienti, c’erano intricate fronde di alberi e piante. Al centro del soffitto campeggiava lo stemma degli Sforza-Este.

Sempre nel 1902 venne realizzata per Villa Mosterts a Somma Lombardo (VA) la splendida “Vetrata dei pavoni”, opera monumentale di quasi 4 metri di altezza che sarà poi esposta all’Esposizione Internazionale di Torino dello stesso anno.

La vetrata riprende molti dei temi della “Sala delle Asse”, l’intrico di rami e vegetazione, il nastro dorato annodato alla vegetazione, lo stemma blu. Le due opere hanno un insospettato legame: l’ architetto che lavorava al Castello a inizio Novecento – a cui si deve in un certo senso la “riscoperta” dell’opera realizzata da Leonardo nel Castello Sforzesco – era Luca Beltrami.

Lo stesso architetto progettò anche Villa Mosterts: la “Vetrata dei pavoni”, inoltre, venne realizzata dall’Officina di vetri artistici diretta dal cugino di Luca, Giovanni Beltrami, a cui si deve il cartone preparatorio della vetrata monumentale.

Grazie alla donazione da parte di Lindo e Alessandro Grassi (Vetrate Artistiche Grassi), la splendida “Vetrata dei pavoni” è andata ad arricchire il percorso sulle arti decorative del XX secolo all’interno del Museo dei Mobili del Castello Sforzesco di Milano. Potete ammirarla in Sala XVI (primo piano Corte Ducale).

[Altre info: www.Milanocastello.it]

Vuoi scoprire tutti gli eventi da non perdere a Milano (e non solo) oggi, questo weekend e nel fine settimana? Iscriviti alla newsletter con tutte le ultime news e gli sconti validi per i lettori di Eventiatmilano.it

Eventi in programma:

Nella sezione seguente è mostrato l’elenco completo delle mostre e degli altri eventi in programma presso il Castello Sforzesco di Milano. Scopri tutti gli eventi in programma oggi e gli eventi a Milano di questo mese.

Castello Sforzesco, Milano

Location

Castello Sforzesco, Milano

Piazza Castello, MIlano Milano, 27029 Italia

+ Google Maps

Telefono

+39 02 88463700

Pubblicità

Prossimi Eventi

  • Non sono stati trovati risultati.