The Art of Banksy. A Visual Protest

Caricamento Eventi

The Art of Banksy. A Visual Protest

cosa fare domenica 25 novembre a milano: mostra Banksy al Mudec

The Art of Banksy. A Visual Protest in mostra al MUDEC di Milano

Banksy, artista e writer inglese la cui identità rimane tuttora nascosta, è il protagonista della mostra The Art of Banksy. A Visual Protest, in scena al MUDEC – Museo delle Culture di Milano dal 21 novembre 2018 fino al 14 aprile 2019.

La mostra, non autorizzata dall’artista, raccoglie per la prima volta in un luogo pubblico oltre 70 lavori tra dipinti, sculture, oggetti, fotografie e video del writer inglese, considerato uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea.

Promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE, che ne è anche il produttore, la mostra The art of Banksy. A visual protest si articolerà attraverso quattro sezioni che porteranno a una riflessione critica su quale sia (e quale potrà essere) la collocazione di Banksy in un contesto più generale della storia dell’arte.

Attraverso le videoinstallazioni, si racconteranno i “movimenti” che hanno dato vita a forme di protesta visiva attraverso la fusione di parole e immagini, dominati da un’attitudine all’azione a cui Banksy fa riferimento esplicitamente nelle sue modalità espressive.

Banksy, artista e writer inglese la cui identità rimane tuttora nascosta, è il protagonista della mostra The Art of Banksy. A Visual Protest, in scena al MUDEC – Museo delle Culture di Milano dal 21 novembre 2018 fino al 14 aprile 2019.

Si indagherà il messaggio e la poetica sottesa alla serie di lavori individuati come “Modifies Oils”, in cui Banksy mescola generi e periodi, intervenendo su copie di opere esistenti e spesso universalmente conosciute, con l’inserimento però di alcuni elementi stranianti.

Si prenderà in esame la tecnica prediletta da Banksy, lo stencil, affinata dall’artista con il duplice scopo di poter eseguire i lavori illegali con una notevole velocità e allo stesso tempo renderli più elaborati, con un’immagine fortemente contrastata, in genere in mono o bicromia, ma che a volte viene ritoccata in alcuni dettagli anche con il colore. I murales di Banksy verranno presentati – attraverso fotografie e video – nella loro collocazione originaria in luoghi dei cinque continenti.

Nei suoi lavori infatti il Genius loci è un aspetto fondamentale. Il suo lavoro, straordinariamente creativo e irriverente, ha come componente fondamentale la relazione con il paesaggio umano nel quale l’artista si esprime, spesso in zone di conflitto, dove anche la politica e le istituzioni faticano ad arrivare.

DOVE | QUANDO

MUDEC – Museo delle Culture via tortona, 56, Milano – Dal 21 novembre 2018 fino al 14 aprile 2019

Orari: lunedì 14.30 – 19.30; Martedì – mercoledì – venerdì – domenica 9.30 – 19.30; Giovedì – sabato 9.30 – 22.30. La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)

APERTURE O CHIUSURE STRAORDINARIE
Venerdì 7 dicembre (Sant’Ambrogio), 9.30 – 19.30
Sabato 8 dicembre (Immacolata), 9.30 – 22.30
Lunedì 24 dicembre (Vigilia di Natale), 9.30 – 14.00
Martedì 25 dicembre (Natale), 14.30 – 19.30
Mercoledì 26 dicembre (Santo Stefano), 9.30 – 19.30
Lunedì 31 dicembre (San Silvestro), 9.30 – 14.00
Martedì 1 gennaio (Capodanno), 14.30 – 19.30
Domenica 6 gennaio (Epifania), 9.30 – 19.30

COSTI

Biglietto intero 16 euro (open ); biglietto ridotto 14 euro per bambini e ragazzi dai 14 ai 26 anni, over 65, disabili; biglietto ridotto 6 euro per bambini dai 3 ai 5 anni; biglietto ridotto 10 euro per bambini dai 6 ai 13 anni.

INFO

www.mudec.it/ita/banksy-mudec-milano

Hai trovato utile questo articolo? Iscriviti alla newsletter con tutte le ultime news e gli sconti validi per i lettori di Eventiatmilano.it

Dettagli

Dal 21 novembre
Al 14 aprile 2019
Categorie:
Etichette,

Location

MUDEC – Museo delle Culture, Milano

via Tortona 56
Milano, Italia

+ Google Maps

Telefono

0254917

PROMUOVI IL TUO EVENTO A MILANO

Inserisci il tuo evento a Milano (e non solo) su Eventiatmilano.it e sui social media - Facebook, Twitter, Instagram, Google Plus

Pubblicità

Commenti

Inserisci un commento