Musica

Break in Jazz 2017, Milano

Break in Jazz 2017: una pausa pranzo diversa dalla solita pausa pranzo a Milano

Milano: torna anche nel 2017 Break in Jazz, un evento musicale davvero molto apprezzato ed originale nel panorama musicale milanese.
Ogni lunedì (ad eccezione dell’1 maggio), mercoledì e venerdì dalle 13 alle 14, gli studenti della Civica Scuola di Jazz, guidati dai loro docenti, si esibiscono in concerti gratuiti.

piano link concerto milano

Associazione Mozart Italia – Milano: il 22 marzo 2017 nuovo concerto in Chiesa di San Marco. Sconti per gli iscritti alla newsletter

Quest’anno in tutto il mondo si celebra il 225esimo anniversario della scomparsa del più grande genio della musica classica: Wolfgang Amadeus Mozart, morto a Vienna nel 1791. Tra le rassegne musicali che celebrano il genio di Salisburgo, vi segnaliamo la stagione di concerti a cura dell’Associazione Mozart Italia-Milano, che presenta un nuovo concerto in Chiesa di San Marco, in programma il 22 marzo 2017.

La Prima Diffusa. La Madama Butterfly prima (e dopo) della prima a Milano

La Prima Diffusa a Milano: la Madama Butterfly prima (e dopo) della prima

Sarà l’opera Madama Butterfly di Giacomo Puccini diretta dal Maestro Riccardo Chailly e con la regia di Alvis Hermanis ad inaugurare la stagione teatrale scaligera, come da tradizione, il 7 dicembre alle 18.00. Ad anticipare ed accompagnare la prima della Scala e le sue repliche ci sarà la Prima diffusa, progetto del Comune di Milano e di Edison per far vivere la Prima della Scala in tutta la città fino al 14 dicembre.

A Milano fino a domenica 4 dicembre MASH 2016 - Suoni e culture post-globali

Dall’1 al 4 dicembre a Milano #MASH 2016. Suoni e culture post-globali

Torna, dopo l’edizione 0 del 2015, #MASH 2016, il festival dedicato ai suoni e culture post-globali.

Appuntamento da giovedì 1 a domenica 4 dicembre a Milano in quattro location: Mudec, Base, Biko e Buka Mondo. Una rassegna attraverso la quale esplorare il mondo della musica e dei suoni in questo mondo iperconnesso e digitale, per comprendere i cambiamenti e gli impatti sonori della “world music 2.0”.