Sabato 19 e domenica 20 marzo: Giornate FAI di Primavera

Villa Necchi Campiglio a Milano

Sabato 19 e domenica 20 marzo: Giornate FAI di Primavera

Sabato 19 e domenica 20 marzo 2016 tornano le Giornate FAI di Primavera, manifestazione culturale giunta alla ventiquattresima edizione. Saranno accessibili più di 900 luoghi curati dal FAI in 380 città italiane. Anche quest’anno alcuni studenti vestiranno i panni di Cicerone, introducendo il pubblico ai segreti e alle curiosità di tutti i luoghi aperti per l’occasione, alcuni dei quali non accessibili normalmente.

Ma vediamo quali siti sono accessibili a Milano (consulta la mappa in basso)!
Partiamo con l’elenco dei siti accessibili a tutti, per poi segnalare i siti accessibili ai soli iscritti FAI. Per le altre città e regioni italiane, potete consultare la pagina web www.giornatefai.it

Villa Necchi Campiglio a Milano
Villa Necchi Campiglio a Milano

Milano, Giornate FAI di primavera: beni accessibili a tutti

Ecco i beni accessibili a tutti aperti durante le Giornate FAI di Primavera.

Partiamo dalla Stazione Centrale dove ci sono ben tre siti da visitare.
Il primo è il Cantiere della mela reintegrata in Piazza Duca D’Aosta. ”La Mela Reintegrata” è un’opera di Michelangelo Pistoletto realizzata in collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italiano, con il Patrocinio e il sostegno del Comune di Milano. Dal 19 marzo l’opera di Pistoletto – che abbiamo già visto prima in Piazza Duomo rivestita di un manto d’erba, poi in Parco Sempione rivestita da pannelli in fibra – sarà in Piazza Duca D’Aosta con un nuovo look che sarà svelato in anteprima proprio durante le giornate FAI, durante le quali sarà possibile accedere al cantiere con visite a cura di Cittadellarte.
Orari: sabato e domenica dalle 11 alle 18

Rimanendo in Stazione Centrale entriamo in luogo pieno di storia, il Padiglione reale della stazione di Milano Centrale. Della sua storia vi abbiamo raccontato nello speciale dedicato alla Stazione Centrale. Il Padiglione Reale, inaugurato nel 1931, fu originariamente concepito per accogliere i reali Savoia; oggi è possibile non solo visitarlo ma anche affittarlo per eventi privati. Le due sale hanno una capienza di circa 100 persone per sala, per circa 400 mq di estensione.
Accesso sabato e domenica dalle 10 alle 18 con visita guidata a cura dei volontari FAI. Ultimo ingresso ore 17.30

Gli appassionati di treni storici ameranno questo sito: il Deposito Locomotive. Si potranno scoprire carrozze d’epoca, locomotive storiche e cimeli ferroviari. L’evento è realizzato in collaborazione con Fondazione FS Italiane e il Deposito Locomotive di La Spezia.
Per rendere unica questa esperienza, si potrà percorrere il viaggio a bordo di carrozze degli anni ’60-’70 trainate dalla locomotiva E.646, con partenza da Milano Centrale alle 8.35 e arrivo a La Spezia Migliarina alle ore 11.55. Per informazioni sugli orari di ritorno e biglietti, visita il sito www.trenitalia.com

Padiglione in Stazione Centrale. Visitabile durante la XXIV edizione delle Giornate FAI di primavera
Padiglione in Stazione Centrale. Visitabile durante la XXIV edizione delle Giornate FAI di primavera

Ci spostiamo in centro città, dove sarà visitabile Villa Necchi Campiglio, un’oasi di pace aperta tutto l’anno.
Sia sabato che domenica, dalle 10.00 alle 18.00, sono in programma visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’ITS “Pier Paolo Pasolini” di Milano. Visite anche in lingua straniera ogni ora e mezza circa. Non è necessaria la prenotazione: si organizzano il giorno stesso in base all’affluenza degli stranieri.

Visitabile anche l’ Educandato Setti Carraro dalla Chiesa, ubicato in via Passione 12, che accoglie nelle sue ampie e decorate sale il “Collegio Reale delle Fanciulle” fondato da Napoleone nel 1808 per impartire un’educazione “utile e distinta” alle figlie di coloro che avevano reso importanti servizi alle magistrature della città.
Visite sabato e domenica dalle 10 alle 18 a cura degli studenti dell’Educandato. Visite in lingua inglese: sabato 19 e domenica 20, ore 11.00 – 16.00. Visite in lingua francese: sabato 19 e domenica 20 marzo, dalle ore 16.30. Il sito è fruibile a persone con disabilità.

Un gioiello da scoprire: la chiesa di San Pietro in Gessate (Piazza San Pietro in Gessate), in cui le visite saranno condotte dagli Apprendisti Ciceroni del Liceo Scientifico Statale “Leonardo da Vinci”, del Liceo Classico Clemente Rebora di Rho e del Liceo Classico Statale “Giovanni Berchet”. Apertura sabato e domenica dalle 14.00 alle 17.30. Le visite guidate verranno svolte anche in lingua inglese.

Rotonda del Pellegrini – ex scuderie dell’arcivescovado
in via delle ore 3, oggi sede della Fondazione Culturale Ambrosianeum,  fondazione culturale e strumento di dialogo e incontro per una convivenza civile. Si trova a ridosso del Palazzo dell’Arcivescovado, di cui ospitava in origine le scuderie.
Visite guidate a cura dei volontari FAI: sabato 10- 18 e domenica 10.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00.
Domenica 20 marzo sono previste visite in lingua araba, cinese, ebraica, portoghese, russa, rumena, spagnola, ucraina a cura dei Mediatori Culturali – Progetto Arte un ponte tra culture.

Il Palazzo Pusterla, sede di Banca Generali e cortile di Palazzo Trivulzio in Piazza Sant’Alessandro, 4, accoglie per questa occasione anche la mostra Farhan Siki. Traces
Il sito e la mostra saranno sarà visitabili sabato e domenica dalle 10 alle 18 con visite guidate a cura dei volontari FAI.

Educandato Statale Emanuela Setti Carraro dalla Chiesa. Sala delle ballerine
Educandato Statale Emanuela Setti Carraro dalla Chiesa. Sala delle ballerine

Palazzo Mezzanotte in Piazza Affari, 6, storica sede della Borsa di Milano, sarà visitabile sabato e domenica dalle 10 alle 18 e comprenderà anche la visita dell’ex Sala delle Grida e agli scavi romani dove oggi sono visibili i resti della scena dell’antico teatro di età imperiale e le decorazioni in ceramica a parete disegnate dall’artista Giò Ponti per l’antica Taverna Ferrario.

Teatro e accademia dei Filodrammatici, in via Filodrammatici 1, situato al lato del Teatro alla Scala, è un piccolo gioiello nascosto di Milano. Il teatro è ancora oggi attivo e il cartellone è interamente dedicato ad opere contemporanee.
Visite sabato e domenica 10-18 con ingresso da Piazza Paolo Ferrari, 6.

Milano ospita per la prima volta uno dei maggiori capolavori della Magna Grecia: il Cavaliere di Marafioti, un gruppo statuario in terracotta policroma del IV secolo a.C.: un giovane cavaliere nudo che cavalca sostenuto da una Sfinge femminile con le braccia levate. Il gruppo decorava il tetto del tempio dorico scoperto a Locri in località Casa Marafioti, una zona collinare della città greca sovrastante il teatro e prossima alle mura.
Il gruppo scultoreo si potrà ammirare in anteprima durante le giornate FAI di primavera all’interno delle Gallerie d’Italia di Piazza Scala, sabato e domenica 10-18 con visite guidate a cura dei volontari FAI.

Palazzo Mezzanotte, Milano. Foto di Massimo Gatti
Palazzo Mezzanotte, Milano. Foto di Massimo Gatti

Ci spostiamo in Parco Sempione: in Palazzina Appiani potremo ammirare il pianoforte costruito da Cesare Augusto Tallone, uno dei più importanti accordatori e costruttori di pianoforti del nostro Paese che, nel 1966 costruì il primo pianoforte da concerto italiano.
Visite guidate a cura dei volontari FAI e degli Apprendisti Ciceroni del Liceo “Leopardi” sabato e domenica 10-18

In via Linneo 5 è possibile visitare l’ Archivio Storico e Biblioteca Antica del Liceo Beccaria.
Il liceo Beccaria è il più antico di Milano, risale al XVII secolo, e il suo archivio custodisce preziosi volumi e interessanti documenti storici. La visita consentirà di ammirare il patrimonio della scuola, per la prima volta aperto al pubblico, ma anche di apprezzarne il valore nell’ambito della storia dell’istruzione e della cultura milanesi.
Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo “Cesare Beccaria” anche in inglese,  sabato e domenica 10-18. Il luogo è fruibile a persone con disabilità.

Palazzina Appiani. Durante le Giornate FAI di Primavera, ospiterà il pianoforte costruito da Cesare Augusto Tallone
Palazzina Appiani.
Durante le Giornate FAI di Primavera, ospiterà il pianoforte costruito da Cesare Augusto Tallone

Gli ultimi tre siti sono un po’ distanti dal centro ma meritano una visita!

Il Comando prima regione aerea Aeronautica Militare si trova in Piazza Ermete Novelli 1 e la visita permetterà di conoscere gli ambienti del comando militare,  ammirare la scultura della Vittoria Atlantica del Martini e saranno esposti alcuni equipaggiamenti e velivoli in uso all’arma.
Durante la visita si svolgeranno iniziative speciali: concerto della Fanfara dell’aeronautica, simulatore di volo (salvo maltempo), esposizione velivoli ed equipaggiamenti in dotazione all’aeronautica militare. Ingresso consentito solo se muniti di documento d’identità valido e visite guidate a cura dei volontari FAI, sabato e domenica 10-18.

Villa Lonati, in via Zubiani 1 è un vero e proprio laboratorio botanico per la città.
Si trova entro un’area di circa quattro ettari, oggi stretta fra le rotaie della ferrovia, i padiglioni dell’Ospedale di Niguarda e Viale Enrico Fermi, in un contesto fortemente urbanizzato. Si presenta come residenza di campagna e al tempo stesso come tipico esempio di cascina lombarda a corte. La Villa è oggi per tutti un luogo di osservazione e conoscenza del mondo vegetale grazie al nuovo Museo Botanico, inaugurato nell’ottobre 2015.

Ospita un Percorso d’acqua per l’osservazione della flora e della fauna acquatiche, il suggestivo Frutteto dei Patriarchi, che raccoglie il patrimonio storico dell’agricoltura lombarda con numerose specie fruttifere, e il Labirinto dei cereali, raccolta di varietà che hanno segnato la storia dell’agricoltura italiana. Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto “Vilfredo Pareto” e del Liceo Scientifico Statale “Leonardo da Vinci”, sabato e domenica 10-18.

Infine abbiamo l’Edificio 6 dello IULM, luogo del sapere creativo. E’ sito in via Carlo Bò 7 ed è stato realizzato a completamento del lotto del campus universitario esistente dell’Università IULM. Un concept architettonico molto innovativo e unico. Visite guidate a cura dei volontari FAI, sabato e domenica 10-18.

Cortile del Palazzo Turati
Cortile del Palazzo Turati, Milano

Milano, Giornate FAI di primavera: beni accessibili ai soli iscritti FAI

Quattro, invece, saranno i beni accessibili ai soli iscritti FAI.

L’Albergo Diurno di Porta Venezia accessibile solo su prenotazione sabato e domenica dalle 10 alle 18. La visita sarà condotta dalle guide FAI. In occasione delle Giornate FAI di Primavera, presso la galleria Gli Eroici Furori, sarà esposta una selezione di opere pittoriche che ritraggono l’Albergo Diurno Venezia. Parte del ricavato della vendita delle opere sarà devoluto a favore del FAI.

Sabato 19, ore 11.00 – 20.00; Domenica 20, ore 11.00 – 18.00: special Opening della mostra con l’artista presente.
Sabato 19, ore 17.00: galleria Gli Eroici Furori Arte Contemporanea, via Melzo 30, Milano

Se vuoi saperne di più sull’Albergo Diurno, leggi il nostro speciale qui

La Casa dello Zecchiere, in via del Bollo, 3 sarà accessibile sabato e domenica dalle 10 alle 18 con visita guidata a cura dei volontari FAI. La Casa dello Zecchiere è uno dei luoghi misteriosi e nascosti di Milano. Nella sua cantina sono conservati affreschi osceni ed enigmatici!

Visitabile anche il Palazzo Pusterla, sede di Banca Generali, al cui interno sarà anche visitabile al mostra “Farhan Siki. Traces”. Dopo la visita alla mostra, il percorso guidato ideato dal FAI continua nel cortile dell’adiacente Palazzo Trivulzio, in Piazza Sant’Alessandro, 4.
Aperto sabato e domenica dalle 10 alle 18 con visite guidate a cura dei volontari FAI.

Chiudiamo questa carrellata con il Palazzo Turati, via Meravigli 7. Fresco di restauro, questo palazzo storico riapre al pubblico con visite guidate a cura dei volontari FAI sia sabato che domenica dalle 10 alle 18.

Milano, Giornate FAI di primavera: mappa dei beni accessibili a tutti o ai soli iscritti