Dal 7 al 12 gennaio al Teatro Libero di Milano va in scena Sacrificio del fieno

Dal 7 al 12 gennaio al Teatro Libero di Milano va in scena Sacrificio del fieno

Dal 7 al 12 gennaio, al Teatro Libero di Milano, va in scena “Sacrificio del fieno”, una nuova produzione di Fenice dei Rifiuti.
Dal 7 al 12 gennaio al Teatro Libero di Milano va in scena Sacrificio del fieno
Sacrificio del fieno, dal 7 gennaio 2015 al Teatro Libero di Milano
Foto di Greta Pelizzari
Il dramma, ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, è scritto, diretto ed interpretato da Michela Giudici e Alessandro Veronese. Quest’ultimo ha già presentato proprio al Teatro Libero NUNCA MAS. Gente che scompare, dedicato al dramma dei desaparecidos, accolto con grandissimo apprezzamento sia da parte del pubblico che da parte della critica. 
L’idea per lo spettacolo è nata da Ciamel Amuur, una canzone di Davide Van De Sfroos che narra la vicenda di una giovane donna che ha una relazione segreta con un partigiano, Michela Giudici e Alessandro Veronese si dividono la scena, interpretando undici personaggi in quattro lingue diverse.

La donna è per terra. Nuda e sconfitta. Trema per la paura, per il freddo e per l’umiliazione. Tutto intorno soltanto il fieno. E un odore diffuso di alcol. 

La donna ha lo sguardo senza più anima. L’ha persa quando Cesare è andato via. Ripete come una litania, sottovoce, la melodia di Lili Marlene, imparata dai tedeschi che la cantavano fuori dal fienile mentre aspettavano il loro turno per fare scorta di lei.
Poi i tedeschi sono andati via e al loro posto è arrivato tutto il paese. Il prete con la sua inquisizione, gli uomini con forbici e fiammiferi. La donna è nuda, trema e canta. 
Dal 7 al 12 gennaio al Teatro Libero di Milano va in scena Sacrificio del fieno
Sacrificio del fieno, dal 7 gennaio 2015 al Teatro Libero di Milano
Foto di Greta Pelizzari
Nessuno saprà mai perché l’ha fatto.
L’uomo che la guarda dall’alto aspira l’ultimo fumo della sua sigaretta. E sorride. Nell’altra mano ha una bottiglia di grappa. Un sorso lo beve, il resto lo sparge per terra. Poi si avvicina alla donna, con un fiammifero in mano. Il fieno, si sa, prende fuoco facilmente…
Paolo Vanadia
DOVE | QUANDO
Teatro Libero – Via Savona, 10, Milano
Dal 7 al 12 gennaio 2015
Spettacoli da lunedì a sabato ore 21.00, domenica ore 16.00
COSTI
Intero 19€ 
Ridotto under26 e over60 13€
Allievi Teatri Possibili con TPCard 6€
Allievi altre scuole di teatro 10€
Prevendita 1,50€
INFO
www.teatrolibero.it | 02 8323126 | biglietteria@teatrolibero.it
NOTE
Michela Giudici frequenta la scuola Teatri Possibili di Milano e diversi corsi organizzati dall’Associazione C.T.A.S. della quale entra a far parte stabilmente nel 2011, quando la compagnia assume ufficialmente il nome di Fenice dei Rifiuti. Da lì prende parte a tutte le produzioni (compreso NUNCA MAS – Gente che scompare che ha debuttato nel 2014 a Teatro Libero), fino a sperimentarsi anche nel ruolo di autrice e regista nei recenti spettacoli Sacrificio del fieno e Nascondigli. 

Comments

  1. […] L’idea per lo spettacolo è nata da Ciamel Amuur, una canzone di Davide Van De Sfroos che narra la vicenda di una giovane donna che ha una relazione segreta con un partigiano. Michela Giudici e Alessandro Veronese si dividono la scena, interpretando undici personaggi in quattro lingue diverse. Orari nel weekend: venerdì e sabato ore 21.00, domenica ore 16.00. Costi: intero 19€, ridotto under26 e over60 13€. Ulteriori informazioni al post dedicato. […]

Leave a comment