Dal 6 a domenica 8 giugno a Villa Arconati la prima edizione di Terraforma, experimental and sustainable music festival

Dal 6 a domenica 8 giugno a Villa Arconati la prima edizione di Terraforma, experimental and sustainable music festival

Mosso da inesauribile energia, un gruppo di giovani poco più che ventenni ha organizzato a Bollate un Festival che non si era mai visto prima. Proprio come in una piccola Woodstock, 45 anni dopo, uno dei rari spazi rurali sopravvissuti alle porte di Milano ospiterà tre giorni di musica, natura e sperimentazione

Dal 6 a domenica 8 giugno a Villa Arconati la prima edizione di Terraforma, experimental and sustainable music festival
Terraforma, da “Terraformare”: quel processo teorico attraverso il quale
si rende possibile la vita su un pianeta a partire dalla creazione di un’atmosfera.
Il festival animerà il Parco di Villa Arconati dal 6 all’8 giugno 
Stiamo parlando di Terraforma, festival internazionale di musica dedicato alla sperimentazione artistica con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale. L’iniziativa, alla sua prima edizione, sarà ospitata nel Parco di Villa Arconati, alle porte di Milano, dal 6 all’8 giugno, proponendo performance dal vivo, proiezioni, workshop, incontri con artisti e artigiani, percorsi di ascolto, immersioni nella natura, installazioni, mercato a chilometro zero e camping.
terraforma festival a villa arconati dal 6 a domenica 8 giugno 2014
Terraforma, Villa Arconati
Credits: Studio Petrucci.JP

 

Il programma delle performance, che si svolgono su un unico palco immerso nel verde, porta lo spettatore a tuffarsi nel suono e ad astrarsi dal ritmo frenetico della metropoli. La musica di Terraforma attinge da diversi generi, tra i quali soprattutto l’elettronica, dalla techno all’ambient, ma anche il folk, il jazz e il dub, accomunati da una ricerca d’avanguardia e sperimentazione. Sul palco convergono artisti di indiscusso spessore come Thomas Fehlmann di The Orb, che ha scritto pagine fondamentali dell’elettronica degli ultimi 30 anni, il nuovo duo Millie & Andrea costituito da Miles Whittaker dei Demdike Stare e Andy Stott, i Voices From The Lake aka Donato Dozzy e Neel, l’esploratore del ritmo totale Burnt Friedman, l’avventuriero del dub Deadbeat accompagnato dalla poesia vocale di Tikiman, il vibrafonista Pasquale Mirra che tra le altre ha partecipato alle musiche del film di Woody Allen To Rome with Love, il batterista Tommaso Cappellato ma anche Volcov e Rawmance. Ancora, il libanese Rabih Beaini con il suo acclamato progetto Morphosis, il cerebrale Chris Madak alias Bee Mask, il cibernetico Heatsick, che si esibisce in tre ore ipnotiche di “Extended Play”, il chiaroscurale duo scozzese Dalhous della Blackest Ever Black presentato dalla rassegna S/V/N/ e il “supergruppo” CB21 con le tastiere di Lorenzo Senni/Stargate, Dracula Lewis e Primitive Art. Infine i chitarristi acustici Norberto Lobo e il prodigio della 12 corde James Blackshaw, per riportare l’ascoltatore a contatto con le sue frequenze naturali.

 

Oltre a suonare dal vivo, i francesi d’avanguardia Pierre Bastien e Ghédalia Tazartès sono protagonisti, rispettivamente, di un workshop sul tema della “sound art” e di un talk sulla musica concreta. Millie & Andrea sono a loro volta interpreti di una discussione condotta dal magazine inglese The Wire. Gli incontri e i workshop offrono al pubblico esperienze progettuali condivise: dal laboratorio artigianale di costruzione di strumenti musicali che trasforma oggetti comuni in dispositivi sofisticati, a quello in grado di rendere l’acqua potabile o di trasformare il cibo di scarto in commestibile. 

 

Terraforma. Experimental and Sustainable music festival a Villa Arconati dal 6 a domenica 8 giugno
Terraforma è un evento sostenibile sotto l’aspetto ambientale ed economico.

Terraforma è un evento sostenibile sotto l’aspetto ambientale ed economico. Una parte delle installazioni e degli allestimenti, per lo più strutture semplici in legno che si integrano nel parco, è creata attraverso un workshop con alcuni studenti di architettura, coordinati da un team di architetti e artigiani coinvolti dallo Studio Zarcola – Francisco Rodriguez, allievi di Sami Rintala, e dallo Studio Petrucci. Anche le serre della Villa si trasformano in un’installazione di luci, immagini e suoni grazie alla performance audiovisiva di Stoikeia, progetto di tesi realizzato da Filippo Rossi e Filippo Slaviero a cura di IED Milano.

Terraforma. Experimental and Sustainable music festival a Villa Arconati dal 6 a domenica 8 giugno
Terraforma propone un mercato gestito collettivamente,
luogo d’incontro dove i produttori sono invitati
a presentare prodotti di qualità ed a chilometro zero.

Nel mercato, invece, non solo è possibile acquistare prodotti crudi a chilometro zero, ma anche partecipare alla loro preparazione in un’apposita sezione dedicata alla cucina di street food certificato biologico. Ma Terraforma non vuole essere solo un festival. Negli ultimi mesi ha avviato i lavori di riqualificazione dei quattro ettari che compongono il parco di Villa Arconati, un’area che diventerà agibile e aperta a tutti. La “scossa terraformante”, quindi, non si esaurisce nei giorni del festival, ma pone le basi per un futuro ancora più green alla periferia di Milano, dove possano nascere spazi per bambini, incontri a tema e naturalmente concerti.

Paolo Vanadia

DOVE | QUANDO

Villa Arconati, Castellazzo di Bollate, in Via Fametta, a 5 Km da Milano Nord
Da venerdì 6 a domenica 8 giugno 2014
COSTI
Il festival Terraforma è un’attività culturale promossa dall’associazione Threes. Al progetto musicale è affiancato un progetto di tutela ambientale del Parco di Villa Arconati: il sistema di biglietteria si incrocia con la logica del crowdfunding chiedendo il sostegno e il contributo economico a chiunque voglia farne parte. L’abbonamento per i tre giorni costa 70 euro, il biglietto giornaliero 25 euro (15 euro domenica) a partire dal mese di maggio.
INFO

http://www.terraforma2014.com/ | info@terraforma2014.com

NOTE

L’Associazione culturale no profit Threes costituita nel 2012 da Dario Nepoti, Alberto Brenta e Ruggero Pietromarchi per la produzione di progetti musicali ed eventi culturali di qualità tra cui Techno Portraits e Progetto Opera. Le radici di Threes si fondano sui canoni della ricerca, del tempo e della semplicità associati a sostenibilità e accessibilità. Info su http://www.threesproductions.com/

Leave a comment