Maggio e Giugno in musica Sette concerti tematici@Chiesa e Auditorium San Fedele

Maggio e Giugno in musica Sette concerti tematici@Chiesa e Auditorium San Fedele

Maggio e Giugno in musica
Sette concerti tematici@Chiesa e Auditorium San Fedele


Quando>> Dal 5 Maggio al 1° Luglio 2012
Dove>>  Chiesa di San Fedele e Auditorium San Fedele, Via Hoepli 3/b, Milano
Costi>>  Alcuni concerti sono ad ingresso gratuito, altri a pagamento (vedere sotto)
Visto su>> Segnalazione al blog da Antonio Pileggi, responsabile settore musicaFondazione Culturale San Fedele
Info>> Info: segreteria.ccsf@sanfedele.net, sanfedelemusica@gmail.com www.centrosanfedele.net Tel: 02 86352231

Nei mesi di Maggio e Giugno la Chiesa e l’Auditorium di San Fedele ospiteranno sette concerti con ampi percorsi storici e creazioni: musica barocca, sinfonica, per tastiere ed elettronica.

Da Guillaume de Machaut all’era digitale

(Foto: Albero sonoro di Domenico Melchiorre)

Intensa chiusura di stagione con sette concerti che ripercorrono alcuni momenti fondamentali della storia della musica e propongono ben 15 prime esecuzioni assolute nelle serate del 23 maggio e del 25 giugno.

Cinque concerti nella Chiesa di San Fedele partono da tematiche musicali precise. Sabato 5 maggio, il programma del Trio d’archi composto da Pietro Bernardin, Francesca Monego e Marco Bernardin, si situa in bilico “tra sogno, immgine e visione”, con musiche di Purcell, Beethoven e Reger. Il 12 maggio, Matteo Ronchini e Marco Montanelli offrono un monografico delle sonate di J.S. Bach per viola da gamba (eseguite al violoncello) e clavicembalo. Più inedita la drammatizzazione musicale del 19 maggio a più tastiere” il cui punto di riferimento è il lavoro di riattualizzazione di alcuni brani del passato (Machaut, Orlando di Lasso, Purcell, Heinrich Schütz, J.S. Bach) realizzato dall’ungherese György Kurtág per pianoforte a quattro mani. Attorno a quest’asse ruotano opere importanti della storia delle tastiere, dalle toccate di Claudio Merulo per organo ai Pezzi per armonium di César Franck scritti poco prima della sua morte. Il 16 giugno, Giorgio Tosi, al violino barocco e Mario Valsecchi all’organo passeranno in rassegna delle Sonate per violino ed organo concertante tra Seicento e Settecento per giungere allo Sturm un Drang di Carl Philipp Emanuel Bach. Il concerto conclusivo dell’intera stagione si terrà il primo luglio con i CIVICI CORI e l’Orchestra cella Civica Scuola di Musica di Milano diretti da Mario Valsecchi, a prova del costante impegno della Fondazione Culturale San Fedele di collaborare con le più significative istituzioni accademiche di Milano e della Lombardia. In programma due Messe di Schubert, dell’inizio e della fine della sua carriera compositiva, e una Sinfonia per strumenti ad arco di F. Mendelssohn.

I due concerti nell’Auditorium San Fedele hanno un carattere più sperimentale. Il 23 maggio, il Trio Magritte, con Paolo Beltramini al clarinetto, eseguirà un programma con al centro la figura del compositore italiano Niccolò Castiglioni e alcuni autori viennesi che sono stati fondamentali per Castiglioni: F. Schubert, A. Berg e Anton von Webern. Inoltre, il concerto sarà l’occasione per ascoltare sei nuove opere sulla tematica del “viaggio” scritte dai finalisti del Premio Niccolò Castiglioni, organizzato dalla Fondazione Culturale San Fedele in collaborazione con le Edizioni Suvini Zerboni. I finalisti provengono da Cile, Canada, Israele, Gran Bretagna e Italia. E infine, lunedì 25 giugno, concerto eccezionale del percussionista Domenico Melchiorre, solista dell’Orchestra Sinfonica di Basilea dal titolo Electrobag on Tour. Programma di brani per percussione ed elettronica con una parte che presenta le opere più significative degli ultimi 30 anni del settore e una parte con nove opere in creazione commissionate dalla Fondazione Culturale San Fedele.

SABATO 5 MAGGIO

“tra sogno, immagine e visione”
ore 17 Chiesa di San Fedele, ingresso gratuito

Henri Purcell (1659-1695)
Fantasie a tre Z. 732, 733, 734

Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Trio in Do minore op. 9 n. 3 (1797)

Max Reger (1873-1916)
Trio in re minore op. 141b (1915)

Trio d’archi

Pietro Bernardin, violino
Francesca Monego, viola
Marco Bernardin, violoncello

Serata in cui viene proposto un viaggio musicale che abbraccia un arco temporale di oltre tre secoli ma seguendo gli spunti tematici del sogno e della visione. All’inizio, i velati spunti contrappuntistici delle Fantasie di Purcell a tre voci evocano le immagini di un sogno che procede lentamente attraverso dei simboli arcaici. Il Trio in Do minore op.9 n. 3 è un capolavoro del primo Beethoven. In esso si alternano situazioni di sogno e realtà, talvolta il confine tra i due ambiti si attenua. Due elementi drammatici caratterizzano il Trio. Il primo è il vivace contrasto di tonalità maggiore e minore, con un evidente richiamo della simbolica luce/tenebra. Il secondo elemento del dramma musicale è il contrasto dei movimenti ascendenti e discendenti, come due modi diversi di vedere la stessa immagine. Le ultime note del Finale, un ironico e leggerissimo arpeggio in Do maggiore, rompono l’incantesimo del sogno. Il momento onirico ritorna un’ultima volta con il sorprendente Trio in re minore op. 141b, tra le più riuscite composizioni del compositore Max Reger, scritta poco prima di morire.

SABATO 12 MAGGIO

MONOGRAFICO J.S. BACH Le 3 Sonate per viola da gamba e clavicembalo
ore 17 Chiesa di San Fedele, ingresso gratuito

Johann Sebastian Bach (1685–1750)
– Sonata n°1 in sol maggiore BWV 1027
– Sonata n°2 in re maggiore BWV 1028
– Sonata n°3 in sol minore BWV 1029

Matteo Ronchini, violoncello
Marco Montanelli, clavicembalo

Secondo concerto nella chiesa di San Fedele con l’esecuzione del repertorio per strumenti ad arco solista e continuo di J.S. Bach. L’anno scorso era stata la volta del violino, quest’anno il protagonista sarà il violoncello. Nell’immensa produzione musicale di J.S. Bach, spiccano le sonate per viola da gamba e clavicembalo per il loro equilibrio tra espressività dialogante e virtuosismo. Scritte sia durante la permanenza a Cöthen tra il 1717 e il 1722, sia nel lungo soggiorno a Lipsia, sono una magnifica sintesi della retorica barocca cui il tocco di Bach aggiunge qualcosa di atemporale, che sfugge agli stilemi e figure musicali del proprio tempo. Bach ha mostrato il suo interesse per la viola da gamba lasciando per questo strumento qualche aria nella musica religiosa, delle parti importanti in alcune opere da camera e tre sonate con clavicembalo obbligato. Al tempo di Bach, in Germania c’era una lunga tradizione di musica da camera per questo strumento con opere di D. Becker e J.A. Reincken, le raccolte di Buxtehude e di Telemann. Le tre sonate di Bach sono dei modelli del genere per strumento solista con clavicembalo obbligato cui è affidato un ruolo solistico.

SABATO 19 MAGGIO

“TASTIERE RIUNITE” pianoforte, organo e armonium
da Guillaume de Machaut a César Franck
ore 17 Chiesa di San Fedele, ingresso gratuito

Guillaume de Machaut (c. 1305-1377)
Kyrie I / Christe / Kyrie II / Kyrie III (da Messe de Nostre Dame 1365)
con il Kyrie gregoriano “Cunctipotens Genitor Deus” della Messa IV

Claudio Merulo (1533-1604)
Toccata quinta (da “Toccate d’intavolatura d’organo”) 1598

Heinrich Schütz (1585-1672)
Symphonia (da Die Sieben Worte Jesu Christi am Kreuz SWV 478) 1662

Frammenti (da Matthaeus Passion SWV 479)
1. Introitus 2. Hohepriester und Schriftgelehrte 3. Die Jünger Jesu 4. Die Jünger Jesu

Orlando di Lasso (c.1530-1594)
Qui sequitur me

Henry Purcell (1659-1695)
Fantasia a 5 in Fa, Z. 745, “Upon 1 Note”

César Franck (1822-1890)
Pièces pour harmonium (1890)

Wolfgang Amadesu Mozart (1756-1791)
Andante in Fa maggiore K 616 per organo

César Franck
Pièces pour harmonium (1890)

Felix Mendelssohn (1809-1842)
Tema e variazioni in Re maggiore per organo 1844

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
– Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit, BWV 106 (da Actus Tragicus) Sonatina
– Allein Gott in der Höh Sei Ehr, BWV 711
– Aus tiefer Not schrei ich zu dir BWV 687
– Alle Menschen müssen sterben BWV 643
– O Lamm Gottes, unschuldig, BWV 618

Johann Sebastian Bach
Concerto per organo in Sol maggiore BWV 592 (arr. del concerto del Pinricpe Johann Ernst di Saxe-Weimar) 1714

Paolo Oreni, organo Vincenzo Pasquariello e Iacopo Petrosino, pianoforte
Francesco Catena, armonium

Programma sperimentale che riunisce diversi strumenti a tastiera. La ricca e grande storia musicale delle tastiere viene ripresa sotto forma di drammatizzazione. Diversi brani del repertorio per tastiere si succederanno senza interruzione, talvolta in ordine cronologico, ma per lo più secondo una disposizione evocativa, partendo dalle affinità che possono legare brani di epoche storiche molto lontane, oppure sottolineando aspetti comuni di articolazione, timbri, figurativi e tematici.

MERCOLEDI’ 23 MAGGIO

VIENNA E NICCOLO’ CASTIGLIONI
ore 20.30 Auditorium San Fedele, entrata 5 € / 4 €

Musiche di F. Schubert, Alban Berg, Anton von Webern, Niccolò Castiglioni e creazioni di Maurizio Azzan, Yair Klartag, Samy Moussa, Manuel Contreras, Naomi Pinnock, Tom Coult

Trio Magritte
Francesco Senese, violino
Luca Franzetti, violoncello
Emanuela Piemonti, pianoforte

con Paolo Beltramini, clarinetto

Attraverso il Premio Niccolò Castiglioni 2011-2012, la Fondazione Culturale San Fedele, in collaborazione con le Edizioni Suvini Zerboni, intende promuovere la produzione di nuove opere musicali di qualità scritte nel contesto di un articolato percorso annuale con momenti di riflessione e laboratori creativi. Lo scopo è di offrire ai giovani partecipanti un’esperienza professionale per realizzare nuove opere eseguite in un concerto partendo da una tematica proposta dal Premio. A conclusione della prima edizione del Premio verranno creati 6 brani di musica da camera scritti nel 2012 dai finalisti del Premio. Il programma del Trio Magritte con Paolo Beltramini al clarinetto non si limita semplicemente a creare queste nuove opere, ma le integra in una drammatizzazione musicale che intreccia le creazioni con alcuni brani di repertorio del Novecento ed altri di Niccolò Castiglioni.

SABATO 16 GIUGNO

VIOLINO BAROCCO & ORGANO CONCERTANTE
stile da chiesa e Sturm und Drang
ore 17 Chiesa di San Fedele, ingresso gratuito

Musiche di Johann Sebastian Bach (1685-1750), Christoph Graupner (1683-1760) e Carl Philipp Emanuel Bach (1714-1788)

Giorgio Tosi, violino barocco
Mario Valsecchi, organo

Programma con tre opere importanti per violino barocco dell’area tedesca del Settecento. Si inizia con

un’opera contrappuntistica di J.S. Bach e si arriva allo Sturm und Drang con C.P.E. Bach.

LUNEDI’ 25 GIUGNO

PERCUSSIONI & ELETTRONICA
Composizioni per set di percussioni ed elettronica
ore 20.30 Auditorium San Fedele, entrata 10 € / 8 €

Muiche di Javier Alvarez, David Lang, Eugene Ughetti, Anthony Pateras, Iannis Xenakis, Alvin Lucier, Roderik de Man, J.S. Bach e creazione di giovani

compositori: Antonin Servière, Pasquale Corrado, Yair Klartag, Emanuele Palumbo, Juan De Dios Magdaleno, Michele Sanna, Alberto Carretero, Rocco

De Cia, Yiorgos Christofi
Domenico Melchiorre, percussioni

Concerto “scoperta” di un repertorio importante per le percussioni dal Novecento ai nostri giorni, con la creazione di nove opere commissionate a dei giovani compositori dalla Fondazione Culturale San Fedele. I nuovi brani avranno la particolarità di utilizzare ognuno un piccolo set di percussioni (facilmente trasportabile in tournée) e l’utilizzazione dell’elettronica. Il percussionista invitato è Domenico Melchiorre, solista dell’Orchestra Sinfonica di Basilea. In quest’occasione verrà esposto nel foyer dell’auditorium l’albero del suono di Domenico Melchiorre, una scultura sonora con performance dell’autore il 25 giugno.

DOMENICA 1 LUGLIO
SCHUBERT, MUSICA SACRA e Sinfonia di Mendelssohn
ore 17 Chiesa di San Fedele, ingresso gratuito

Franz Schubert (1797–1828)
Deutsche Messe, per coro e organo

Feliz Mendelssohn (1809-1847)
Sinfonia n°10 per archi

Franz Schubert
Messa D. 167, per soli, coro e orchestra

I CIVICI CORI
Orchestra della Civica Scuola di Musica
Mario Valsecchi, direttore

Due opere di musica sacra di Schubert dell’inizio e della fine della sua produzione. La Messa in Sol D. 167, la più nota delle tre Messe brevi del compositore viennese, fu composta in cinque giorni nel 1815. Mentre la Deutsche Messe D. 872 risale al 1827. Il testo è di Neumann che rielabora liberamente l’ordinarium missae latino ispirandosi all’innodia protestante. Musicalmente, Schubert si ispira al corale luterano, di grande semplicità vocale e formale. Al centro del programma un breve brano sinfonico del giovane Mendelssohn, scritto nel periodo delle due Messe di Schubert.

Calendario>>


Sabato 5 Maggio ore 17 – Chiesa di San Fedele, ingresso gratuito

Musiche di Purcell, Beethoven, M. RegerTrio d’archi: Pietro Bernardin, Francesca Monego e Marco Bernardin

Sabato 12 Maggio ore 17 – Chiesa di San Fedele, ingresso gratuitoLe sonate per Violoncello e clavicembalo di J.S. Bach
Matteo Ronchini, violoncello
Marco Montanelli, clavicembalo

Sabato 19 Maggio ore 17 – Chiesa di San Fedele, ingresso gratuitoConcerto “Tastiere riunite”
Musiche dal ‘500 ai nostri giorni per tastiere
Paolo Oreni, organo
Vincenzo Pasquariello e Iacopo Petrosino, pianoforte
Francesco Catena, Armonium

Mercoledì 23 Maggio ore 20.30 – Auditorium San Fedele, 5 € / 4 €Concerto Premio Castiglioni
musiche di F. Schubert, A. Berg, Anton von Werben, N. Castiglioni e dei finalisti del Premio CastiglioniTrio Magritte con P. Beltramini al clarinetto

Sabato 16 Giugno ore 17 – Chiesa di San Fedele, ingresso gratuitoDallo stile concertante allo Sturm und Drang
Musiche di J.S. Bach, Graupner, C.P.E. Bach
violino barocco: Giorgio Tosi
organo: Mario Valsecchi

Lunedì 25 Giugno ore 20.30 – Auditorium San Fedele, 10 € / 8 €Bag on tour, Concorso di composizione per percussioni
Domenico Melchiorre, percussioni
Muiche di Eötvös, Alvarez, Lang, Ughetti, Pateras, Xenakis, Battistelli, Lucier, Globokar, de Man e creazioni
Domenico Melchiorre, percussioni

Domenica 1 Luglio ore 17 – Chiesa di San Fedele, ingresso gratuitoSchubert, musica sacra dal 1814 al 1828
I CIVICI CORI
Orchestra della Civica Scuola di Musica
dir. Mario Valsecchi

Leave a comment